Una città italiana sta offrendo vacanze gratis per donne incinte, che è un po’ un lato positivo

A volte è difficile vedere il lato positivo dell’essere incinta. Piedi gonfi, sbalzi d’umore, strane persone che cercano di toccarti la pancia. A parte avere un posto sull’autobus ed avere un adorabile figlio (ovviamente), non ci sono molti aspetti positivi in quei nove mesi. Ma adesso, questa città italiana che sta offrendo vacanze gratis alle donne incinta sta cambiando le cose. Sì, ad Assisi, gli hotel stanno offrendo stanze gratis alle coppie che concepiscono durante la campagna del Fertility day per combattere il tasso di nascita in discesa in Italia.Dieci hotel stanno offrendo soggiorni gratis o rimborsi o soggiorni gratis in futuro alle coppie che provano che loro figlio è stato concepito durante il loro soggiorno. Mmm, è un bell’affare.

Tutto cià che devono fare i genitori è produrre un certificato di nascita che dimostri che il bambino è nato nove mesi dopo il soggiorno. “Dare alla luce un bambino è un atto di amore profondo, che dovrebbe essere incoraggiato nonostante la moltitudine di difficoltà nella vita,” hanno dichiarato gli organizzatori. L’iniziativa turistica si concentra sul tasso di nascita italiano. L’Italia infatti ha uno dei tassi più bassi nell’Unione Europea e al mondo, con sole 8 nascite per 1000 residenti.

Le prime interazioni di questa campagna però hanno incontrato riscontri negativi poiché le donne hanno trovato la pubblicità sessista e razzista. Non è stata accolta bene dalle giovani donne italiane all’inizi della loro carriera. Il fatto che l’economia italiana stia soffrendo e molti non possano permettersi di avere una famiglia sembra vanificare il tentativo del governo di alzare il tasso di nascite.

Quindi sì, forse gli italiani dovrebbero essere preoccupati del tasso di nascite, ma non dovrebbero mettere pressione sulle donne affinché facciano qualcosa per cui potrebbero non essere pronte (o che potrebbero non volere). Ma un incentivo come una vacanza romantica gratis in una piccola città? È qualcosa su cui pensare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *